Espropri Ponte sullo stretto di Messina. Come tutelarsi?

Il progetto per la realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina è una proposta ambiziosa per collegare la Sicilia alla Calabria attraverso un ponte sospeso che attraverserebbe lo Stretto di Messina. Ecco una breve descrizione dei principali punti del progetto:

Dimensioni: Il ponte dovrebbe essere uno dei ponti sospesi più grandi al mondo, con una lunghezza prevista di oltre 3,3 chilometri e una campata principale di circa 3,1 chilometri. Questa vasta struttura avrebbe dovuto consentire il passaggio di navi di grandi dimensioni sotto di essa.

Benefici economici e sociali: I sostenitori del progetto sottolineano i benefici economici e sociali attesi, tra cui la creazione di posti di lavoro, lo sviluppo delle infrastrutture e il miglioramento delle connessioni tra la Sicilia e il continente.

Critiche e preoccupazioni: Il progetto suscita diverse critiche e preoccupazioni, tra cui preoccupazioni ambientali, finanziarie e tecniche. Alcuni ritengono che i costi sono eccessivamente elevati e che ci sono alternative più economiche per migliorare la connettività tra la Sicilia e il continente.

Stato attuale: Con l’emanazione del decreto-legge 31 marzo 2023, n. 35, poi convertito con modificazioni dalla legge 26 maggio 2023, n. 58, il 16 marzo 2023 il governo Meloni ha riavviato l’iter (al momento ancora privo di un adeguato finanziamento), finalizzato alla realizzazione dell’opera e di una serie di infrastrutture correlate dal costo complessivo stimato di 15 miliardi di euro.

IL PROGETTO

Comuni coinvolti: Reggio di Calabria, Montebello Ionico, Milazzo, Messina, Villa San Giovanni, Pace del Mela, Campo Calabro, San Filippo del Mela, Venetico, Villafranca Tirrena
Progetto completo -> Clicca qui
Espropri e piano particellare -> Clicca qui

Un bene di tua proprietà è a rischio di esproprio?

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e riceverai aggiornamenti e avvisi riguardanti questo progetto.

HAI BISOGNO DI AIUTO?

TutelaEspropri è un’associazione con sedi in tutta Italia che da circa 20 anni tutela i proprietari di beni espropriati. Grazie all’attività dell’Associazione è possibile difendere i propri diritti, opporsi all’opera (quando ve ne siano le possibilità) o comunque ottenere ampie rivalutazioni delle indennità di esproprio e il riconoscimento di danni e svalutazioni subite da abitazioni e terreni.

Per informazioni contatta:
– La nostra sede nazionale al numero verde 800.68.48.96

Oppure richiedi un colloquio gratuito con uno dei nostri collaboratori cliccando sul seguente pulsante:

GUARDA ALCUNI  DEI NOSTRI CASI DI SUCCESSO -> Clicca qui

Condividi su:

Potrebbe interessarti:

Indennità esproprio

Espropriazione per pubblica utilità: occupazione d’urgenza

L’occupazione d’urgenza è una forma di espropriazione per pubblica utilità che consente allo stato di occupare un bene privato, senza il consenso del proprietario, per realizzare opere o servizi di pubblico interesse che non ammettono ritardo. Si tratta di una misura eccezionale e straordinaria, che deve essere giustificata da una situazione di necessità e urgenza, e che deve essere seguita da una regolare procedura espropriativa.​

Leggi tutto »
L'esperto risponde

I diritti fondamentali dei proprietari di proprietà espropriate per pubblica utilità

I proprietari hanno il diritto a ricevere un indennizzo economico che sia pari alla perdita economica che hanno subito, ma hanno anche un interesse legittimo (e quindi tutelabile) a che il procedimento espropriativo si svolga secondo le norme di legge. in sostanza si ha il diritto di verificare e pretendere che l’ente espropriante svolga il procedimento come previsto per legge e il diritto ad essere pagati quanto la legge prevede.

Leggi tutto »

Come calcolare l'indennità di esproprio?

Richiedi un colloquio gratuito

Ti aiuteremo gratuitamente a comprendere cosa ti stia accadendo e cosa puoi fare per difendere i tuoi diritti.

Richiedi una consulenza tecnica gratuita

I nostri tecnici sono a disposizione per una consulenza gratuita per verificare la correttezza dell’indennità di esproprio offerta dall’ente e, nei casi più delicati, per effettuare un sopraluogo gratuito.

Chiama ora il numero
VERDE nazionale centralizzato

Fissa un appuntamento telefonico per un colloquio gratuito o per prenotare un sopraluogo tecnico