Espropriazione parziale di bene unitario ed immissioni inquinanti

Cassazione civile sez. I, 14/04/2023, n.9959. Nella determinazione dell’indennità di esproprio ex art. 33 dpr 327/2001, deve tenersi conto anche del decremento di valore della porzione residua del bene. Nell’ambito di tale valutazione, ricorda la Suprema Corte con questa sentenza, è necessario anche considerare le diminuite possibilità di utilizzo dell’area residua (sedime) connesse alla presenza dell’opera pubblica, anche ove ciò dipenda dalle immissioni inquinanti dell’opera realizzata.

La liquidazione dell’indennità per l’espropriazione parziale è commisurata alla differenza tra il giusto prezzo dell’immobile prima dell’esproprio e il giusto prezzo della parte residua dopo l’esproprio stesso, dovendo tenersi conto, oltre che del valore della porzione ablata, anche del decremento della parte di fondo residuata all’espropriazione. 

Atteso che ai fini del computo della indennità, in ipotesi di espropriazione parziale, il decremento di valore della porzione residua deve tenere conto anche della diminuita possibilità di utilizzare appieno il sedime, ne deriva che ai predetti fini deve tenersi conto anche della inutilizzabilità del sedime entro l’area di potenziale contaminazione da polveri sottili, legate al traffico veicolare lungo la strada di nuova costruzione, la quale realizza una sorta di personalizzazione del danno che rende il medesimo significativo ai fini della quantificazione della indennità. (Dovendosi censurare, ha evidenziato la Suprema Corte, i rilievi del giudice a quo secondo cui i pregiudizi conseguenti all’inquinamento ambientale sono da ricondurre, eziologicamente, alla realizzazione della strada e non già all’espropriazione parziale del terreno agricolo).

 

HAI BISOGNO DI AIUTO?

TutelaEspropri è un’associazione con sedi in tutta Italia che da circa 20 anni tutela i proprietari di beni espropriati. Grazie all’attività dell’Associazione è possibile difendere i propri diritti, opporsi all’opera (quando ve ne siano le possibilità) o comunque ottenere ampie rivalutazioni delle indennità di esproprio e il riconoscimento di danni e svalutazioni subite da abitazioni e terreni.

Per informazioni contatta:
– La nostra sede nazionale al numero verde 800.68.48.96

Oppure richiedi un colloquio gratuito con uno dei nostri collaboratori cliccando sul seguente pulsante:

GUARDA ALCUNI  DEI NOSTRI CASI DI SUCCESSO -> Clicca qui

Condividi su:

Come calcolare l'indennità di esproprio?

Chiama ora il numero
VERDE nazionale centralizzato

Fissa un appuntamento telefonico per un colloquio gratuito o per prenotare un sopraluogo tecnico