Tutelarsi da un esproprio per pubblica utilità

La tutela da un possibile esproprio per pubblica utilità può essere complessa e dipende da diversi fattori. Tuttavia, ci sono alcune misure generali che possono essere prese in considerazione per cercare di tutelare i tuoi diritti in caso di minaccia di esproprio.

Presentare osservazioni scritte

Le norme di legge prevedono il diritto del proprietario soggetto ad esproprio di presentare osservazioni scritte in varie fasi della procedura di approvazione di un opera pubblica e quindi nelle varie fasi antecedenti l’avvio delle procedure di esproprio. Tali osservazioni possono riguardare sia le modalità di realizzazione dell’opera sia l’indennità di esproprio spettante al proprietario. Ove adeguatamente preparate e tempestivamente prodotte, tali osservazioni, specie nel caso di espropri condotti dagli enti locali con le procedure ordinarie, possono consentire di giungere alla piena tutela dei proprietari espropriati.

-> Leggi come presentare osservazioni scritte

Attivare la commissione tecnico arbitrale

È lo strumento assolutamente da prediligersi al fine di giungere alla determinazione dell’indennità definitiva di esproprio. Tale strumento consente in tempi decisamente rapidi, senza spese e senza rischi, di conseguire importanti rivalutazioni dell’indennità di esproprio ed una tutela sostanzialmente piena dei diritti economici dei proprietari espropriati. Indispensabile è che il proprietario sia assistito da consulenti tecnici e legali esperti della materia e che la procedura sia attivata tempestivamente.

-> Leggi come attivare una commissione tecnico arbitrale

Fare ricorso in Corte di Appello

È lo strumento offerto dalla legge per ricorrere avverso fissazioni dell’indennità definitiva di esproprio che siano ingiustamente lesive dei diritti economici del proprietario espropriato. Ove pertanto in ballo vi sia la giusta determinazione dell’indennità, la giurisdizione è della Corte di Appello.

Fare ricorso al Tar

È lo strumento offerto dalla legge per contestare le illegittimità commesse dalla Pubblica Amministrazione nelle procedure di approvazione dell’opera pubblica e nelle procedure di espropriazione per pubblica utilità. I proprietari espropriati che dimostrino tali illegittimità potranno far considerare l’occupazione illegittima ed avranno diritto al risarcimento del danno. Possibile, anche se difficilmente attuabile, specie alla luce delle ultime innovazioni legislative (T.U. processo amministrativo), ottenere la sospensione dell’opera. Stante la lunghezza dei processi, i costi e le limitate possibilità di tutela se ne consiglia un utilizzo molto prudente prediligendo lo strumento della Commissione tecnico arbitrale ove in ballo via siano soltanto problematiche di tipo economico.

Per approfondimenti:

Opposizione alla stima: a chi fare causa?

La prescrizione e la decadenza nell’azione di opposizione alla stima dell’indennità di espropriazione

Deposito dell’indennità di esproprio e decreto di svincolo: quali rimedi giudiziari?

Condividi su:

Potrebbe interessarti:

Indennità esproprio

Espropriazione per pubblica utilità: occupazione d’urgenza

L’occupazione d’urgenza è una forma di espropriazione per pubblica utilità che consente allo stato di occupare un bene privato, senza il consenso del proprietario, per realizzare opere o servizi di pubblico interesse che non ammettono ritardo. Si tratta di una misura eccezionale e straordinaria, che deve essere giustificata da una situazione di necessità e urgenza, e che deve essere seguita da una regolare procedura espropriativa.​

Leggi tutto »
L'esperto risponde

I diritti fondamentali dei proprietari di proprietà espropriate per pubblica utilità

I proprietari hanno il diritto a ricevere un indennizzo economico che sia pari alla perdita economica che hanno subito, ma hanno anche un interesse legittimo (e quindi tutelabile) a che il procedimento espropriativo si svolga secondo le norme di legge. in sostanza si ha il diritto di verificare e pretendere che l’ente espropriante svolga il procedimento come previsto per legge e il diritto ad essere pagati quanto la legge prevede.

Leggi tutto »

Fai la tua domanda

I nostri esperti sono a disposizione per rispondere ai tuoi dubbi e quesiti. Compila il formulario e fai la tua domanda. Riceverai nelle prossime 24/48 ore il risultato della consultazione gratuita.

Fai la tua domanda
Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Come calcolare l'indennità di esproprio?

Richiedi un colloquio gratuito

Ti aiuteremo gratuitamente a comprendere cosa ti stia accadendo e cosa puoi fare per difendere i tuoi diritti.

Richiedi una consulenza tecnica gratuita

I nostri tecnici sono a disposizione per una consulenza gratuita per verificare la correttezza dell’indennità di esproprio offerta dall’ente e, nei casi più delicati, per effettuare un sopraluogo gratuito.

Chiama ora il numero
VERDE nazionale centralizzato

Fissa un appuntamento telefonico per un colloquio gratuito o per prenotare un sopraluogo tecnico